Sandra è ipoudente, vive con un’iguana ed è intollerante al lattosio e celiaca, ma soprattutto ha un modo molto particolare di arrivare all’orgasmo. Paco e Ana sono sposati da dieci anni e sentono che nella loro relazione manca qualcosa, decidendo di esplorare nuove fantasie sessuali; sposati sono anche Maria Candelaira e Antonio che vorrebbero tanto un figlio, dove la prima nasconde al marito una sua intima fantasia sessuale. I problemi a letto non mancano anche per Josè, ancora innamoratissimo della moglie, grande amante della sonnofilia… e le parafilie sessuali non sono finite, perché anche Natalia e Alex cercano il loro equilibrio. Il sesso, gioia e desiderio, amore di sé e degli altri. In un mondo che dice di essere moderno, ma poi non lo è così tanto, il sesso sa essere una miccia esplosiva delle nostre vite, spesso insoddisfatte e ingrigite. Paura? Desiderio? Scoperta.

Kiki e i segreti del sesso mi ha sorpreso. Ero francamente scettico guardandone il trailer che prometteva temi piccanti, stranesse e humour. Eppure Paco Leòn riesce a tradurre nel suo film questo perfetto equilibrio alchemico, facendo volare le due ore tra risate, riflessioni, abilmente stuzzicandoci e senza mai nascondere la sofferenza dei suoi personaggi. Un racconto dissacrante – portato verso gli estremi grotteschi per innescare il meccanismo della comicità ma anche per aprire la riflessione – è bilanciatissimo tra amore e sesso, traducendosi nell’unico verso desiderio dell’amante: essere accettato per quel che è.
In un mondo che si dichiara aperto e tollerante, nella realtà tutti (si fingono) si scandalizzano quando a cena si parla di fellatio o di allegri esperimenti a troìs. Ci hanno insegnato la vergogna, a tacere la passione, a non parlare di masturbazione, morbosità e desideri spinti. Hanno posto tabù su argomenti semplici e comuni come il fatto che abbiamo due occhi, due mani e ci scorre il sangue nelle vene. Ci hanno mortificato la carne e lo spirito intimandoci di tacere fantasie o al massimo di relegarle “alle avventure”. Così abituati a separare il sesso dall’amore forse ci siamo dimenticati che la libera espressione sessuale è l’unico binario per il vero amore. Di sé e dell’altro.

L’amore si FA.

0 0 vote
Article Rating